I migliori BIGGES del 2022 che non hai mai visto prima

Qual è stata la tua migliore scommessa dell’anno? Durante questi 365 giorni abbiamo vinto tutti i tipi di scommesse, ma ne abbiamo perse alcune che (quasi) nessuno ha visto. Non perdere le 5 grandi scommesse del 2022, scommesse che non saranno mai dimenticate da chi le ha vinte.

È il momento di dare uno sguardo indietro e fare la nostra tradizionale recensione di le 5 migliori scommesse dell’anno . Il 2022 è stato l’anno del ritorno alla semi-normalità, anche se il grande evento dell’anno, Tokyo 2020, ha dovuto essere tenuto a porte chiuse. Non così il campionato europeo. Abbiamo avuto sorprese, come il Chelsea che vince la Champions League quando sembrava senza speranza, o Hideki Matsuyama che vince il Masters di Augusta quando nessuno contava su di lui. La Copa del Rey ci ha lasciato alcune quote scandalose, ma questa è la nostra selezione dei migliori palloni, quelle scommesse che tutti sognano di prendere ad un certo punto.

1

Esteban Ocon vince il GP d’Ungheria (£601)

È la scommessa dell’anno. La stagione 2022 di Formula 1 ci ha lasciato momenti per i libri di storia, con un campionato del mondo deciso all’ultimo giro. Ma il momento più surreale è stata la vittoria di Ocon all’Hungaroring. Il francese era nel gruppo dei “piloti casuali che non vincono affatto” insieme a Stroll, Tsunoda e Latifi. Ma le stelle si sono allineate, Alonso ha difeso come un leone contro Hamilton e Ocon ha vinto. Cosa sarebbe successo al campionato del mondo se Hamilton avesse superato Ocon? Non lo sapremo mai.

2

Emma Raducanu: da qualificata a vincitrice degli US Open (€399)

Solo i più grandi appassionati di tennis conoscevano Emma Raducanu fino agli ultimi US Open. Classificata 150° al mondo, l’inglese ha raggiunto la finale a New York dal turno di qualificazione senza perdere un solo set nel torneo. In finale ha superato Leylah Fernandez, le cui possibilità erano 67-1 prima dell’inizio degli US Open. Un’impresa che le è valsa il premio di sportiva britannica dell’anno, con quote che hanno messo in ombra la vittoria di Krejcikova al Roland Garros a 201 euro qualche settimana prima. Un altro dei grandi vincitori del 2022.

3

Un monumento per Stuyven (126€)

È vero che il mondo del ciclismo può lasciarci con quote brutali sul vincitore quando si tratta della tipica tappa di transizione del Tour. Ma in un monumento come Milano-Sanremo? A differenza di Raducanu, Stuyven non è uno sconosciuto, ma i suoi giorni di gloria sembravano essere finiti. Tuttavia, è stato incoronato a Milano-San Remo. È stata la prima classica in cui Van Aert, Van der Poel e Alaphilippe hanno coinciso e nessuno dei tre ha vinto. Erano rispettivamente 3°, 5° e 16°, nello stesso gruppo del vincitore.

4

Lo sceriffo assalta il Bernabeu (34€)

Fino allo scorso settembre, pochi – o nessuno – sapevano che in Moldavia c’è una repubblica che quasi nessuno riconosce chiamata Transnistria, e che in essa c’è una squadra di proprietà di un ex magnate del KGB chiamato Sceriffo Tiraspol. Ma questa squadra particolare ha raggiunto la fase a gironi della Champions League. Non solo, sono andati al Bernabeu e hanno battuto il Real Madrid 1-2, una delle più grandi sorprese da molto tempo in Champions League.

5

Il successore di Usain Bolt (31€)

Solo gli appassionati di atletica sapevano dell’esistenza di un italo-americano chiamato Marcel Jacobs fino allo scorso ottobre. Campione europeo indoor in marzo, il meglio doveva ancora venire: campione olimpico nei 100m sprint, probabilmente l’evento più visto dei giochi olimpici. Successore di Usain Bolt stesso. Nonostante abbia fatto bene nelle manche, Jacobs ha raggiunto la finale più come una scommessa che un underdog: 8° su otto atleti. Ma è stato il più veloce, compreso il record italiano. Ha anche vinto l’oro nella 4×100.